Giu le mani dal Cilento

cilento.it

Turismo, cultura e natura nel Parco del Cilento

Progetto Radiose Azioni: fare cultura è costruire Salute

cilento-solidaleRealizzare eventi culturali nel Parco archeologico di Velia coinvolgendo nell’organizzazione cittadini volontari, operatori e persone in stato di disagio psicofisico e/o di esclusione. E’ questo il cuore del progetto coordinato dalla cooperativa sociale Cilento Solidale, che si svolgerà da luglio a settembre 2014.
Venerdì 11 luglio alle ore 12 agli scavi di Elea-Velia si terrà la conferenza stampa per presentare l’iniziativa.
Tutto parte dal riconoscimento di alcune necessità. La prima: concepire chi vive uno stato di disagio come una risorsa per la comunità, superando lo stigma di ‘malato’ che spesso si accompagna ad una condizione di esclusione. La seconda: promuovere il
benessere e la coesione della comunità favorendo il lavoro di rete tra cittadini, imprese sociali, servizi pubblici, associazioni e gruppi informali. La terza: valorizzare il patrimonio culturale e artistico del territorio.
Il progetto Radiose Azioni, organizzato e coordinato dalla cooperativa sociale Cilento Solidale, con il pieno sostegno della Soprintendenza ai Beni Archeologici, nasce da questa esigenza di attivare le risorse del territorio per promuovere la Salute e il benessere della comunità. La risposta è l’organizzazione di eventi culturali all’interno del parco archeologico di Elea-Velia, attraverso la creazione di un gruppo di lavoro formato da persone in stato di disagio/esclusione, archeologi, architetti, educatori, psicologi, volontari.
«L’iniziativa è concepita per creare un circolo virtuoso in cui i partecipanti, affiancati da figure specializzate, potranno sperimentare un ruolo sociale diverso da quello di “malato”, vivere una esperienza in cui potranno essere parte della comunità e offrire un contributo alla comunità stessa, attraverso la creazione degli eventi e la valorizzazione dello straordinario patrimonio archeologico di Velia», spiega Giulio Escalona, presidente di Cilento Solidale.
L’iniziativa prevede l’organizzazione di eventi culturali quali concerti, laboratori, percorsi guidati, reading. Gli appuntamenti si svolgeranno durante l’orario di apertura del sito archeologico, non comportano costi aggiuntivi per i visitatori (oltre al biglietto di ingresso agli scavi) e saranno allestiti nel rispetto dell’ambiente acustico e con
grande attenzione al risparmio energetico (non verrà utilizzata corrente elettrica, nè amplificazione artificiale).
Il gruppo di lavoro è disponibile a partecipare agli interventi che sono già in atto per la pulizia e la manutenzione dell’area archeologica di Velia, affiancando gli operatori incaricati dal Comune. Inoltre il progetto intende realizzare, grazie al supporto degli architetti del collettivo ON, alcuni lavori di manutenzione delle aree ristoro presenti sul
percorso e lavori utili a rendere accessibili le aree in cui saranno svolti gli eventi, per favorire la partecipazione di persone con difficoltà motorie. Per tali interventi saranno utilizzati solo materiali riciclati ed eco-compatibili.
Il calendario di Radiose azioni prevede un appuntamento musicale al mese. Il 26 luglio si parte con il Progetto Hang, straordinario connubio artistico, nato dall’incontro tra l’hang di Luca Bertelli e la chitarra di Stefano Maura, che propone un mix di suoni d’atmosfera, a tratti ipnotici grazie al magico suono dell’hang, strumento appartenente alla famiglia degli idiofoni, inventato nel 1999 in Svizzera (dove viene costruito a mano), presente in soli 5.000 esemplari nel mondo. Il 23 agosto sarà la volta di Pasquale Mirra, vibrafonista e compositore, è considerato uno dei vibrafonisti più interessanti della scena italiana ed internazionale. Con il progetto Moderatamente Solo (vibrafono, glockenspiel, percussioni, oggetti) propone arrangiamenti particolari del repertorio jazzistico, durante i quali improvvisazione strutturale e libera si alternano in
modo variabile ed imprevedibile.
Il 20 settembre, invece, si esibirà l’Orchestra da camera del Cilento e del Vallo di Diano, nata di recente da un’idea del Maestro Manfredo D’Alessandro, che eseguirà le colonne sonore di Nino Rota composte per i film di Federico Fellini.
Oltre ai concerti il programma si arricchisce con performance, letture e nel mese di settembre il Progetto realizzerà una serie di laboratori presso il Palazzo De Dominicis-Ricci ad Ascea.
Inoltre il 20 settembre è previsto un convegno sul tema del Parkinson e delle terapie riabilitative multidisciplinari (teatro, musica, danza).
Per la realizzazione di Radiose Azioni la cooperativa Cilento Solidale beneficerà del prezioso apporto di associazioni, movimenti ed enti territoriali che hanno aderito all’iniziativa: la Soprintendenza ai Beni Archeologici, il Comune di Ascea, l’IRIAE (International Research Institute for Archaeology and Ethnology), l’Unità Operativa di Salute Mentale di Vallo della Lucania, la Fondazione La Casa di Annalaura di Vallo della Lucania, la Cooperativa Sociale Don Uva, Radio Frankenstein – web radio di Moio della Civitella, ON- Officine Nomadi collettivo di architettura sperimentale di Roma, Club del Libro di Pellare, Associazione ParkinZone di Roma.
La conferenza stampa di presentazione del progetto si terrà Venerdì 11 luglio alle ore 12 presso il Parco archeologico di Elea-Velia.
Interverranno:
– Adele Campanelli (Soprintendente Beni Archeologici Salerno, Avellino, Benevento, Caserta)
– Giuseppina Bisogno (Funzionario Responsabile Parco Archeologico Elea-Velia)
– Pietro D’Angiolillo (sindaco Comune di Ascea)
– Valentina Pica (assessore Comune di Ascea con delega al turismo)
– Vincenzo Pizza (assessore Comune di Ascea con delega alla cultura)
– Giulio Escalona (Presidente Coop. sociale Cilento Solidale)
– Giusy Rinaldi (Presidente Fondazione La Casa di Annalaura)
– Antonio Cortazzo (Radio Frankenstein)