Giu le mani dal Cilento

cilento.it

Turismo, cultura e natura nel Parco del Cilento

Agropoli, convegno di urbanistica

Manifesto 21 Marzo 2014«Idee per Agropoli – Potenziali di qualità urbana» è il titolo del convegno in programma venerdì 21 marzo 2014, alle ore 16.00, al Palazzo Civico delle Arti di Agropoli. L’appuntamento è promosso dal Comune di Agropoli in collaborazione con l’Università degli Studi di Napoli Federico II – Scuola Politecnica e delle Scienze di Base, Dipartimento di Architettura.
Dopo i saluti del sindaco di Agropoli, Franco Alfieri, e di Emilio Prota, consigliere comunale delegato politico istituzionale alla redazione del PUC, sono previsti gli interventi di: Mario Losasso, direttore del Dipartimento di Architettura; Riccardo Florio, presidente corso di laurea magistrale in architettura progettazione architettonica M.A.P.A.; Francesco Domenico Moccia, professore ordinario, responsabile del Laboratorio di urbanistica; Barbara Scalera, professore a contratto di architettura del paesaggio.
«Studenti e docenti del laboratorio di urbanistica e architettura del paesaggio del corso di laurea MAPA, del Dipartimento di Architettura dell’Università Federico II – spiega il sindaco Franco Alfieri – proporranno idee per piani urbanistici attuativi secondo gli indirizzi del preliminare del piano di Agropoli. Saranno illustrate, in particolare, diverse opzioni di trasformazione urbanistica per le zone di Mattine – Area PIP, Lungomare San Marco, Parco Fluviale del Testene».
I piani propongono l’aumento in quantità e qualità degli spazi pubblici e dei servizi, la riduzione dei rischi naturali, la crescita delle attrezzature turistiche, il miglioramento dei servizi eco sistemici con procedimenti perequativi di collaborazione tra pubblico e privato.
«Lo studio di diverse opzioni in attuazione degli indirizzi strategici del preliminare di piano – afferma il professore Francesco Domenico Moccia – consentono di valutare varie soluzioni alternative per capire gli eventuali vantaggi e svantaggi di ciascuna di esse. Queste conoscenze contribuiranno a redigere dei piani attuativi più efficaci».