Giu le mani dal Cilento

cilento.it

Turismo, cultura e natura nel Parco del Cilento

Una delegazione dell’Uganda in Camera di Commercio di Salerno

Domani, giovedì 30 gennaio 2014, alle ore 12,00 presso il Centro Congressi Internazionale “Salerno Incontra” – via Roma, 29 – il presidente della Camera di Commercio di Salerno Guido Arzano accoglierà una delegazione istituzionale proveniente dalla Repubblica dell’Uganda, guidata dal generale Moses Alì, terzo vice primo ministro e dalla signora Mumtaz Kassam, ministro plenipotenziario presso l’Ambasciata dell’Uganda in Italia. Al centro del confronto, organizzato da Intertrade, lo scambio di informazioni sulle rispettive realtà economiche e l’impegno ad instaurare future collaborazioni, sancito nella sottoscrizione di uno specifico “Memorandum of Understanding”.
Con un PIL di 16,18 miliardi di euro nel 2013 e una popolazione di 35 milioni, l’Uganda si colloca al terzo posto nel contesto della Comunità dell’Africa Orientale, dopo Kenia e Tanzania. La crescita degli ultimi dieci anni è stata sospinta prevalentemente dalla forte espansione del settore dei servizi, che incide per il 49,9% del PIL (dati 2012), in decisivo aumento, grazie al rapido incremento delle telecomunicazioni, dei servizi finanziari, del commercio e del turismo. Il settore agricolo contribuisce al PIL per un 23,9%, mentre quello industriale per il 26,1%. Grazie all’estrazione petrolifera, che si prevede inizierà nel 2017, l’Uganda si rivela una delle economie a maggior ritmo di crescita dell’intero continente africano. In un recente rapporto, le Nazioni Unite collocano l’Uganda al sesto posto tra le economie in rapida ascesa al mondo, grazie alla capacità di attrarre investimenti diretti esteri, all’elevata diversificazione nelle esportazioni, con enormi potenzialità soprattutto nell’agri-business.
Il livello dell’interscambio commerciale tra l’Uganda e l’Italia è ancora contenuto, ma tende al miglioramento. L’Italia importa dall’Uganda principalmente prodotti agricoli, in particolare caffè e prodotti ittici mentre le esportazioni italiane verso l’Uganda sono caratterizzate da prodotti della meccanica, seguiti dai fertilizzanti e prodotti chimici per l’agricoltura ed i farmaci.
Per quanto riguarda l’interscambio commerciale tra la provincia di Salerno e l’Uganda, per il 2012 ha fatto registrare importazioni pari a 1.325.893 euro ed esportazioni per 132.584 euro. Al terzo trimestre del 2013 sia l’import (pari a 1.938.517 euro) che l’export (173.374 euro) sono in netto rialzo rispetto al dato dell’anno precedente. Le principali voci oggetto dello scambio sono i prodotti agricoli, quelli della meccanica e il comparto dell’energia.
“Accogliamo con grande interesse la delegazione istituzionale proveniente dall’Uganda – dichiara il presidente della Camera di Commercio di Salerno Guido Arzano e di Intertrade Vincenzo Galiano – con cui avremo modo di scambiare una serie di informazioni su possibili forme di collaborazione ed individuare campi economici di interesse comune, al fine di favorire il nascere o il consolidarsi di relazioni commerciali tra le imprese dei rispettivi territori”.