Giu le mani dal Cilento

cilento.it

Turismo, cultura e natura nel Parco del Cilento

Negro Festival 2013. Oggi inaugurazione con la band serba e Finaz. Domani la Microband, i Posteggiatori tristi e la Fanfara di Tirana

La Microband, la Fanfara di Tirana (sul main stage) e i Posteggiatori Tristi (per il progetto Antrosuono, tra le stalattiti) sono i protagonisti della seconda giornata (domani, 6 settembre) del festival di musica e cultura etnica “Negro”, che si svolge a Pertosa (Salerno) nell’area delle grotte dell’Angelo. Intanto sarà uno dei fondatori della Bandabardò, Finaz, con il progetto “Guitar solo” ad aprire oggi, 5 settembre, la 18/a edizione di “Negro”. Il chitarrista si esibirà stasera alle 20 all’interno delle grotte, mentre sul palco principale saliranno il complesso bandistico Città di Sassano, i Terramares e la band serba “Boban I Marko Markovic Orkestar”.
Il festival – con la direzione artistica di Dario Zigiotto, e organizzata dal Comune di Pertosa – compie 18 anni, e per la maggiore età si regala un tema coraggioso e affascinante, “Bande, sbandati e banditi”. Saranno proprio le bande ad aprire il concerto del palco principale ogni sera: il Complesso Bandistico Città di Sassano (5 settembre), il Gran Concerto Bandistico Citta’ Vallo Di Diano (6 settembre) e la Banda De “La Murga – Los Espantapajaros” di Battipaglia (7 settembre). A seguire, sbandati e banditi si alterneranno sul main stage.
Si inizia stasera (5 settembre) con i repertori cilentano e dell’area vesuviana dei Terraemares (giovani musicisti che tengono viva la tradizione coinvolgendo il pubblico “live” dei loro concert anche con animazioni di danza tradizionale) e con il “banditismo artistico” della Boban I Marko Markovic Orkestar, tredici musicisti che, dalla Serbia si portano dietro il loro bagaglio musicale, geneticamente e orgogliosamente “rom”.
Domani, 6 settembre si comincia come da tradizione con gli spettacoli nell’antro delle grotte, a una temperatura costante di 18 gradi: la regolarità dell’esecuzione musicale verrà messa in discussione, sia nella dimensione espressiva del teatro popolare che dell’esecuzione musicale, da “I posteggiatori tristi”, un quartetto che rappresenta la triste devianza che la canzone popolare può assumere se lasciata nella cultura solitaria della “posteggia”, assumendo la definizione di “Canzone Napoletana Riveduta e Scorretta”, collocata tra le “macchiette” comiche e le “canzoni di giacca” drammatiche della tradizione partenopea. Una provocazione che continua a essere palese, con l’accostamento sul grande palco (dalle ore 22) della Microband, il duo di musicisti classici, vocati alla comicità attraverso violini suonati con archetti invisibili, chitarre che si trasformano, flauti che compaiono dal nulla, in un diluvio di note, gag e altre incredibili invenzioni dal loro “Classica for dummies! (Musica Classica per Scriteriati)” e la Fanfara Di Tirana al loro incontro con i Transglobal Underground. I due gruppi, entrambi dal forte carattere identitario, intesseranno un dialogo autenticamente internazionale e paradossalmente apolide.
Reduci dal loro recente cd “Kabatronics”, mettono coraggiosamente in dialogo la cultura balcanica della fanfara della più importante, storica e autorevole band albanese, con la “world fusion” o meglio il “mesh up” di sintesi occidentale. Nella serata di chiusura del 7 settembre, il pubblico potrà ammirare tutte le sfaccettature dell’edizione 2013 con il micidialmente trasgressivo, e clownesco, lavoro musicale della Banda Osiris, quattro virtuosi di ottoni col “botto”, abbigliati da musicisti classici in frac, che giocano a smontare e rimontare brani del repertorio classico, e con Roy Paci che presenta “Corleone”, il suo nuovo e più contemporaneo progetto musicale, che lo porta a mettere il suo virtuoso flicorno, sostenuto da una masnada di compari (sbandati), al servizio di un percorso progettuale che, richiamandosi anche alle marce funebri della sua giovanile formazione bandistica catanese, supera le definizione di genere, avvicinandosi al neologismo “no jazz”.

Per Info
Direzione Artistica: Dario Zigiotto – dario.zigiotto@commusic.it – 348.4111349
Ufficio Stampa: Davide De Paola – davidedepaola@gmail.com – 320.7942824