Giu le mani dal Cilento

cilento.it

Turismo, cultura e natura nel Parco del Cilento

Villammare Film Festival: vince “Pre Carità” di Flavio Costa

E’ il corto “Pre Carità” di Flavio Costa a vincere la dodicesima edizione del Villammare Film Festival. Il regista 33enne romano Flavio Costa ha convinto con la sua rilettura ironica dell’attuale mondo del lavoro, inventandosi un centro di formazione sulla povertà che insegna ai tanti disoccupati di oggi a diventare milionari facendo i mendicanti per strada. Satira, analisi della realtà e attualità del messaggio hanno spinto la giuria tecnica composta dall’ex Direttore di Rai Educational e autore de “La storia siamo noi” Renato Parascandolo, lo sceneggiatore Giorgio Arlorio, il regista Nino Russo, l’attore Edoardo Siravo e il giornalista di 105 Tv Gaetano Bellotta a conferire a questo cortometraggio “Lo scoglio”, scultura realizzata dall’artista Lello Esposito. La scelta si è perfettamente inserita in una edizione che a più riprese ha fatto riflettere sulle difficoltà attraversate in questo periodo dal cinema, dalla cultura e dalla società in generale. La proclamazione del vincitore è avvenuta nella giornata di sabato 31 Agosto, in Piazza Portosalvo a Villammare e in diretta su 105 Tv, davanti ad un folto pubblico sempre più affezionato al Villammare Film Festival. Dopo un’edizione in cui si sono alternati diversi momenti, dando visibilità a film di buona fattura ma poco conosciuti come “Billo, il Grand Dakhaar” di Laura Muscardin, rilanciando i tentativi tutti cilentani di produrre e realizzare dei film con la proiezione di “Non è più tempo di martiri” di Massimo Smuraglia, e vivendo le emozioni delle colonne sonore del cinema italiano con l’Omaggio a Sordi del maestro Gerardo di Lella e del suo gruppo con la tromba solista di Sergio Vitale, la serata di sabato ha visto un omaggio al compositore e appassionato di cucina Leonard Bernstein con l’esibizione del maestro Bruno Persico. Un piccolo gioiello che ha saputo unire le anime del Festival: cinema, musica e gastronomia, rendendo Villammare, grazie anche alle opere di Jean Pierre Duriez, la Città dei Cuochi. A concludere la serata la simpatia e la grande capacità d’interpretazione dell’imitatrice Gabriella Germani che ha saputo far emergere vizi e virtù del cinema italiano con una carrellata sui più famosi attori del momento. Il Villammare Film Festival, organizzato da 105 Tv e dall’Associazione Villammare Film Festival Golfo di Policastro con la collaborazione del Comune di Vibonati, ha lasciato questa edizione con una lacrima ed un sorriso, una lacrima di rimpianto dopo tutte le emozioni vissute ed un sorriso per la soddisfazione di quanti seguono da anni la kermesse. La gelateria dell’anno di Enzo Crivella con il dopocinema gastronomico chiamato “Cloud Ice…” e i fuochi pirotecnici hanno, infine, suggellato ancora una volta il Villammare Film Festival che resta uno degli eventi più completi realizzati sul territorio cilentano.