Giu le mani dal Cilento

cilento.it

Turismo, cultura e natura nel Parco del Cilento

San Giovanni a Piro. Percorsi di note, parole e colori 2013

percorsi di note, parole e colori3 e 4 agosto: in scena la storia e la cultura del Cilento con la rievocazione storica dei moti del 1828 e la poesia di Giuseppe Liuccio.
Identità della terra cilentana ed orgoglio di appartenervi: questo il liet motiv che da sempre anima la rassegna culturale “Percorsi di note, parole e colori”, caratterizzandone ogni sua manifestazione musicale, pittorica, artistica e letteraria. Avviata lo scorso 27 luglio con la presentazione del libro di Domenico Chieffallo “La lunga notte dei briganti”, la quarta edizione prosegue con gli appuntamenti prossimi del 3 e del 4 agosto.
Il 3 agosto, alle ore 21.00, i riflettori si accenderanno a Bosco, in piazza S.Rocco, ove nella ricorrenza del 185esimo anniversario dei moti del 1828 la comunità boschese, con la regia di Rosalia Colicigno, riproporrà la rievocazione dell’accadimento storico che ha profondamente segnato, ma anche contraddistinto, la piccola frazione.
Il 4 agosto, invece, si rientrerà al Cenobio bizantino a San Giovanni a Piro, il sito culturale da sempre individuato quale location per lo svolgimento della rassegna. Alle ore 21.00, nello spazio esterno del complesso, ai piedi degli ulivi secolari, entrerà in scena il poeta-scrittore Giuseppe Liuccio, che attraverso le proprie opere ha dato voce e colore all’amore viscerale che lo lega al suo/nostro Cilento.
La presentazione del suo ultimo libro “Terre d’amore: Cilento e Costa d’Amalfi” sarà solo un pretesto per conoscere meglio la nostra terra ed appropriarcene con maggiore convinzione e consapevolezza. La performance del giornalista, nato a Trentinara e romano d’azione, sarà musicalmente arricchita ed accompagnata dal gruppo folk “Cantenna”, che si esibirà con canti e balli rigorosamente cilentani.
Il 5 agosto, alle ore 21.00, si inaugurerà invece il ciclo degli appuntamenti musicali in calendario con il concerto per sax degli ASUS Sax quartet nella suggestiva cornice della sala interna del Cenobio bizantino.