Giu le mani dal Cilento

cilento.it

Turismo, cultura e natura nel Parco del Cilento

Presentato a Gioi “Le piante spontanee alimentari ” di Dionisia De Santis

OLYMPUS DIGITAL CAMERA“Nel Cilento c’è un grande patrimonio naturalistico che però è a rischio per via dell’introduzione di coltivazioni e di pastorizie intensive. La ricerca di quantità per trarre il massimo guadagno provoca l’estinzione della biodiversità”. E’ il grido d’allarme che è stato lanciato da Dionisia De Santis nel corso della presentazione a Gioi, nell’ambito della terza edizione della kermesse culturale “Un libro…al mese”, del suo libro “Le piante spontanee alimentari nel Parco Nazionale del Cilento e del Vallo di Diano” (edito dall’Associazione Naturalistica Zefiro). “Si tratta – ha aggiunto a proposito della pubblicazione l’autrice – di un lavoro certosino svolto sul campo a contatto diretto con la natura e ha come obiettivo quello di far riconoscere e possibilmente utilizzare le 127 specie diverse di piante alimentari spontanee che crescono nel nostro territorio”.
Il terzo appuntamento dell’edizione 2013 della rassegna culturale, moderato da Maria Teresa Scarpa, ha visto la presenza di Giuseppe Tarallo, ex presidente dell’Ente Parco, che nel presentare il volume di De Santis ha sottolineato: “Il basarsi solo su produzioni quantitativamente rilevanti porta alla desertificazione della biodiversità perché bisogna sempre ricordare che l’uomo fa parte del sistema e non lo domina”. Presente pure il professore Michele Santangelo che ha invece posto l’accento sul libro come “…strumento di conoscenza e di identità che grazie alle immagini e alla prosa, vera e propria poesia, ci fa vivere qualcosa che non è assolutamente estraneo al nostro quotidiano”.
A fare gli onori di casa il primo cittadino Andrea Salati che oltre a porgere il saluto istituzionale ha precisato come “…il Parco è ormai un’entità lontana anni luce dalle nostre aspettative e solo grazie all’impegno di studiosi e appassionati sta sopravvivendo”.
L’aula consiliare è stata abbellita dalle mostre pittoriche e scultoree opera di: Mario Romano, Maria Rosaria Verrone, Yvonne Zellweger, Enzo Marotta e Giuseppe Manigrasso.
Il prossimo incontro, il quarto della serie, è previsto per il 13 luglio quando sarà presentato il volume “La pasta nella dieta mediterranea (e non solo…)” di Giovanni Ardolino.
Gli altri appuntamenti in calendario sono: 17 agosto “T’aggia fa verè ‘u Ciliento” di Domenico Volpe; 7 settembre “Vuci” di Mauro Ruggiero e Jan Maruna.