Giu le mani dal Cilento

cilento.it

Turismo, cultura e natura nel Parco del Cilento

Sicurezza alimentare: al via la campagna di informazione di Confartigianato per affiancare le imprese

confartigianatoLe norme, la semplificazione possibile e la flessibilità per gli esercizi commerciali ed artigianali in una iniziativa tenuta presso la Camera di Commercio di Salerno.
Dal marketing alla tutela della salute, la sicurezza alimentare conviene alle aziende. E Confartigianato affiancherà coloro che lo richiederanno in un’attività di informazione e formazione perché si superino alcune difficoltà, spesso legate alla presenza di un tessuto economico formato da microimprese. L’iniziativa organizzata dalla Confartigianato di Salerno, insieme alla Camera di Commercio, sulla sicurezza alimentare, presso il centro congressi internazionale “Salerno incontra”, ha voluto dare il via a questa campagna di informazione e sensibilizzazione, considerando quel panorama normativo enorme, spesso farraginoso, con il quale le piccole – come le grandi – imprese si devono confrontare e a cui si devono adeguare. Un quadro normativo presentato dal direttore del Sian, il servizio di igiene, alimentazione e nutrizione dell’Asl, Giancarlo Durante, che ha sottolineato anche le ultime novità in tema di semplificazione, ma anche di autocontrollo delle imprese alimentari, così come è stato realizzato dal Piemonte, buona traccia anche per la Campania. Ma il quadro e la dimensione reale delle attività, ciò che vivono ogni giorno, tra controlli fatti da enti e persone diversi, controlli in grande quantità, che spesso si sovrappongono, sono stati indicati da Ciro Riente, dirigente veterinario del distretto 66.
Lo stesso Riente ha evidenziato quali difficoltà spesso le piccole imprese affrontano per mancanza di conoscenza di alcuni dettami normativi che potrebbero metterle al riparo da sanzioni. Da qui la via giusta indicata dalla vice presidente di Confartigianato, Elena Salzano, l’affiancamento da parte dell’associazione di categoria per sostenere con un’attività specifica, con audit ad hoc il valore fondamentale della sicurezza alimentare. Un sostegno che Confartigianato è pronta ad offrire gratuitamente da subito alle piccole realtà che lo richiederanno. D’altronde il quadro normativo e sempre in evoluzione e, come ha richiamato Francesco Aversano, docente di legislazione alimentare, dal prossimo anno, dal 2014, sulle imprese penderanno nuovi mutamenti in fatto di etichettatura dei prodotti. Le associazioni di categoria sono chiamate, per questo, già oggi a realizzare specifici programmi.
La sicurezza, dunque, come ha indicato il presidente della Camera di Commercio, Guido Arzano, nel suo saluto introduttivo all’incontro, che è stato moderato dalla giornalista Margherita Siani, è un cardine non solo per la tutela della salute del consumatore, ma per le stesse imprese e per l’economia, affinchè vi sia sempre più economia di qualità. In un contesto simile, il ruolo dei consulenti, di cui ha parlato Maria Manuela Russo, tecnico della sicurezza alimentare di Confartigianato, che dovranno affiancare le imprese, costituisce un elemento chiave del processo che l’associazione di categoria guidata da Giuseppe Gallo è chiamata a definire.