Giu le mani dal Cilento

cilento.it

Turismo, cultura e natura nel Parco del Cilento

Premio Favale, venerdì c’è il musical “Mowgli” con la compagnia Palistro

Uno spettacolo per tutta la famiglia con il cucciolo d’uomo cresciuto nella giungla.
Prosegue il confronto dei gruppi amatoriali sul palco del teatro La Provvidenza di Vallo della Lucania per il Premio Favale. Dopo “O’ Scarfalietto” di Scarpetta, interpretato dai Triatisti di Camerota, venerdì 30 marzo c’è la compagnia Il Palistro di Ceraso, San Biase e Massascusa, che propone “Mowgli. Il musical del libro della giungla”, liberamente tratto dai libri di Kipling. Lo spettacolo è a ingresso gratuito e ha inizio alle ore 21.
La storia è quella di Mowgli, il cucciolo d’uomo, che intraprende un lungo viaggio alla scoperta della sua identità, nella giungla indiana che lo adotta e lo protegge. È uno spettacolo per tutta la famiglia, ispirato dai romanzi di R. Kipling, ma con invenzioni che assicurano ritmo e novità al musical. A lasciare a bocca aperta il pubblico di ogni età, soprattutto i bambini, sono soprattutto gli animali di ogni tipo che popolano la giungla, riprodotti con pupazzi giganti, che divertono e incantano, e costumi colorati che ne riproducono le fattezze.
Capita così di incontrare elefanti che si muovono a passo di boogie, pappagalli, serpenti, scimmie che si scatenano al ritmo di salsa, e ancora lupi che azzardano mosse hip-hop, tigri, pantere. Ci sono i personaggi classici come Bagheera, Baloo, Re Banana, il Colonnello Hatley, Shere Khan, Akela, Kaa, ma anche personaggi nuovi come la Signora delle Risposte o l’Albero che parla. Il finale, rivisitato rispetto al testo di Kipling, è a sorpresa.
La compagnia “Il Palistro” raggruppa persone provenienti da tre comunità parrocchiali (Ceraso, Massascusa, San Biase), che, insieme al parroco don Aniello Panzariello, hanno deciso di aggregarsi per stare insieme ed organizzare manifestazioni teatrali. Dopo varie esperienze, tutti quelli che simpatizzavano per il teatro, il canto e il ballo, hanno formato un solo gruppo che realizza musical. La compagnia prende il nome dal fiume Palistro, che abbraccia tutta la zona e rappresenta il primo attore del palcoscenico della vita locale, sia dal punto di vista storico che sociale.
Il gruppo ha iniziato la sua attività con la rappresentazione “Non uccidetelo, è innocente” di Giosy Cento, nel 2002. Altri lavori che ha presentato sono: “Aggiungi un posto a tavola” (2003) di Garinei e Giovannini, “Morte e vita a duello” (2003) di Giosy Cento, “La locanda di Emmaus” (2004) di Fabio Baggio, “Pinocchio” (2005) dei Pooh, “C’era una volta Scugnizzi” (2006) di Mattone e Vaime, “Peter Pan” (2007). Il cast è composto da circa 40 persone.