Giu le mani dal Cilento

cilento.it

Turismo, cultura e natura nel Parco del Cilento

Undici milioni di euro erogati dalla Bcc di Aquara alle imprese e alle famiglie di Salerno

Undici milioni e duecentomila euro di finanziamenti concessi rispetto ad una raccolta nell’area del capoluogo pari a dieci milioni e ottocentomila. Ad un anno dall’inaugurazione dello sportello della Bcc di Aquara a Salerno questo il bilancio in positivo per le imprese ed i cittadini che si sono rapportati con l’istituto di credito chiedendo fiducia rispetto alle rispettive attività produttive. Frutto di costi contenuti per le operazioni e di un rapporto umano con chiunque illustri le proprie progettualità. “Insomma non è passata inosservata la presenza della Bcc di Aquara e, in un momento di notevole difficoltà finanziaria per le imprese, si tratta di un comportamento virtuoso che andrebbe seguito anche da altri.”, ha sottolineato Guido Arzano, presidente della Camera di Commercio di Salerno, nel corso di un incontro con soci, correntisti e cittadini svoltosi mercoledì sera presso la sede dell’ente camerale. Ma la Bcc di Aquara, di cui è presidente Luigi Scorziello, non intende esaurire così il suo ruolo di volano per la crescita del territorio. “A breve proporremo la formula del credito agrario che permetterà agli operatori del settore di ottenere congrue anticipazioni in avvio della stagione produttiva. – spiega Antonio Marino, direttore generale della Bcc di Aquara . – E proseguiamo, senza indugi, con iniziative di partecipazione collettiva per la salvaguardia del territorio, come la promozione con Legambiente di quote da 50 euro utili all’acquisto di siti dell’area archeologica a Paestum ora destinati alla produzione di mais, o la sua promozione che ci vede protagonisti nel proporre la Carta dei vini del Cilento”. Uno sforzo apprezzato anche dalle istituzioni. “La Bcc di Aquara rappresenta, nei fatti, un modo diverso di intendere la banca, contraddistinto anche dall’impegno civico per la crescita sociale dei territori dove opera. – ha sottolineato Franco Picarone, assessore alle Attività produttive in seno al Comune di Salerno – Con gli stessi enti locali costretti a pagare in tempi non congrui i servizi ricevuti, a causa del patto di stabilità da rispettare, per le imprese, impegnate nel tentativo di mantenere le quote di mercato e a costruire certezze per il futuro, si tratta di un sostegno fondamentale”.