Giu le mani dal Cilento

cilento.it

Turismo, cultura e natura nel Parco del Cilento

Eros Lamaida è il nuovo presidente dell’Unione dei Comune “Valle dell’Alento”

E’ Eros Lamaida il nuovo presidente dell’Unione dei Comuni “Valle dell’Alento” per l’anno 2012. E’ stato votato all’unanimità dal Consiglio unionale e succede a Emanuele Giancarlo Malatesta. “Sono contento – ha detto nel suo primo discorso il sindaco di Castelnuovo Cilento – perché ho creduto sin dal primo momento in questa Unione poiché lo sviluppo del Cilento passa da questa zona e noi stiamo molto bene fra questi nove Comuni”. Il pensiero di Lamaida è andato subito per Malatesta: “Ha tracciato un nuovo sentiero che non c’era e noi altri Comuni siamo stati bravi a seguire il sindaco di Omignano”. Tra i suoi programmi oltre che rinnovare ciò che ha fatto nel suo anno di presidenza Malatesta, il neo presidente ha incluso “…l’apertura dell’Ufficio Tributi con la nomina di un responsabile cosicché si possa venire a unificare un altro servizio fondamentale”. Ma il primo cittadino di Castelnuovo ha aggiunto: “Mi impegnerò per dare un contributo forte allo sviluppo concreto dell’Unione. Io resto in carica un anno, come da Statuto, e quindi non sto qui per occupare una poltrona ma per essere da stimolo a tutti a lavorare meglio così da far andare avanti il nostro territorio”. Dall’altra parte il presidente uscente Emanuele Giancarlo Malatesta ha ribadito che “…ho lavorato con molto entusiasmo in questi mesi e ora lascio con qualche giorno di anticipo per dare la possibilità al nuovo presidente di entrare in carica più agevolmente e così svolgere al meglio il proprio compito. L’unica cosa che mi rammarico – ha detto Malatesta – in questo anno è che contrariamente a quanto ci era stato promesso che le Unioni avrebbero avuto corsie preferenziali nei finanziamenti, nessun ente sovracomunale ha poi applicato la regola”. Tra le positività riscontrate da Malatesta: “Di sicuro l’attivazione per il periodo estivo del servizio di Polizia Municipale Unionale che ha riscosso tantissimo successo e che verrà riproposto l’anno prossimo e la possibilità di entrare in contatto costantemente con gli altri primi cittadini che fanno parte dell’Unione così da creare un valido scambio di idee”. Oltre all’avvicendamento che è programmato visto che ognuno dei nove Comuni che ha aderito all’Unione ha diritto di sedere nel tavolo di presidenza per un anno, il Consiglio unionale ha sfruttato la seduta per convalidare l’entrata in Consiglio del consigliere di minoranza di Gioi, Leopoldo Errico, nominato successivamente alla tornata originaria e l’approvazione dello schema di convenzione per procedere a una gara di appalto per assegnare a una banca che offre il servizio migliore la prestazione di tesoreria.