Giu le mani dal Cilento

cilento.it

Turismo, cultura e natura nel Parco del Cilento

Presentato “Botteghe & Mestieri”, itinerario nella tradizione degli antichi mestieri e dell’enogastronomia

Una intensa tre-giorni tutta da “gustare”, fatta di eventi, laboratori e degustazioni che vedranno protagonisti assoluti, nello splendido ed appropriato scenario del Convento Benedettino di Giungano (SA), gli Antichi Mestieri, la Pizza Cilentana e i Vini Salernitani. E’ questa la proposta della kermesse “Botteghe & Mestieri”, Itinerario nella tradizione degli antichi mestieri e dell’enogastronomia, presentata questa mattina nella conferenza stampa moderata dalla giornalista Barbara Albero presso la sede della Camera di Commercio di Salerno di Via Roma.
Domani pomeriggio, venerdì 23 settembre, alle ore 18,30 presso il Convento Benedettino di Giungano la cerimonia inaugurale dell’evento, che poi proseguirà nella stessa location con i suoi tanti appuntamenti sabato 24 e domenica 25, dalle ore 18,30 alle ore 23,00. Ad animare l’evento, tra le altre cose, ben tre distinti Laboratori: il “Laboratorio degli Antichi Mestieri”, il “Laboratorio della Pizza Cilentana” e il “Laboratorio del Vino dal Produttore al Consumatore”.
“A Giungano abbiamo trovato una location -ha sottolineato il presidente di CasartigianiSalerno Mario Andresano- che ci sembra perfetta. L’amministrazione comunale è riuscita a recuperare la bellezza dei luoghi, in un’area nella quale gli antichi mestieri e le antiche tradizioni rivestono ancora oggi una loro importanza e diffusione, e meritano perciò di essere valorizzate. Tutto ciò calza a pennello con le mission della Camera di Commercio e di CasartigianiSalerno: vogliamo far capire anche ai più giovani che questo tipo di manualità è capace di generare reddito”.
IL Laboratorio degli Antichi Mestieri coinvolgerà numerosi artigiani ed artisti che, lavorando tutti sul posto, proporranno in “tempo reale” antiche e tradizionali attività. Saranno presenti, in modo particolare, i rappresentanti della “Corporazione dell’artigianato tessile e della seta”, l’impagliatore di sedie e il tornitore del legno, il vasaio con il tornio, artigiani che praticano la fabbricazione della pergamena animale, l’amanuense calligrafo, allevatori delle api e produttori di miele, il soffiatore del vetro, l’arrotino e il materassaio. Un ampio spazio didattico dove il pubblico avrà l’opportunità di vedere, conoscere, interagire, e ricevere ogni informazioni sulle attività proposte. Attività che oggi sembrano antiche, ma che invece fino a pochi anni or sono erano la presenza quotidiana in ogni città.
Molto soddisfatto il sindaco di Giungano, Francesco Palumbo: “Abbiamo aderito con grande entusiasmo a questa iniziativa -ha evidenziato il primo cittadino- anche perché nel nostro territorio sono ancora riscontrabili sia gli antichi mestieri che le tradizioni legate all’enogastronomia della civiltà rurale e contadina. Inoltre la stagione turistica non si è ancora conclusa, e questo evento potrà contribuire ad allungarla. Abbiamo coinvolto in Botteghe & Mestieri anche le aree limitrofe, tanto che saranno presenti delegazioni di ben 25/30 Comuni”.
Presso il Laboratorio della Pizza Cilentana, che si avvarrà della competenza e della professionalità dell’Associazione Culturale “Cilentum pizza” di Giungano, il pubblico avrà l’opportunità di vedere, conoscere e ricevere informazioni sulla storia e la tradizione della pizza cilentana. Ovviamente saranno effettuate dimostrazioni “pratiche”, con forno a legna, della lavorazione e realizzazione della pizza cilentana, che di volta in volta verrà offerta per la degustazione ai visitatori presenti.
“La Pizza Cilentana ha origini molto antiche -ha spiegato il presidente dell’Associazione Cilentum Pizza Pietro Manganelli- infatti veniva fatta dalle nostre nonne, insieme alle nostre mamme, quando preparavano il pane. I nostri prodotti tradizionali sono capaci di attirare nel centro storico di Giungano 30mila persone nei 5 giorni della Festa della Pizza Cilentana. A Botteghe & Mestieri ne daremo ulteriore dimostrazione, utilizzando gli ingredienti di sempre, che sono pasta del pane, pomodoro già cotto, formaggio di capra grattugiato, origano, aglio ed olio extravergine di oliva. Ma proporremo anche delle varianti e degli abbinamenti particolari pizza-vino”.
Nel Laboratorio del Vino dal Produttore al Consumatore la Fisar Salerno, ed in particolare i rappresentanti della Federazione Italiana Sommelier, presenteranno nei diversi stand i percorsi di degustazione del vino, volti a diffondere ai visitatori una corretta cultura del bere e la conoscenza del mondo del vino, ma anche ad approfondire tematiche che stanno a cuore ai viticoltori. In particolare il tema del Cilento e delle sue varietà autoctone, con connesse attività produttive in cui ad essere centrali sono proprio vitigni antichi, sarà anche oggetto del Convegno dal titolo “Il Cilento, il vino e gli autoctoni”, in programma sabato 24 settembre, alle ore 19,30. A parlarne, per un importante momento di dibattito, saranno l’ampelografa Antonella Monaco, il vitienologo Sergio Pappalardo e il produttore dell’Azienda Agricola Vini di Velia, Raffaele Cirillo, coordinati dalla giornalista enogastronomica Antonella Petitti. Da non perdere poi, domenica 25 settembre, alle ore 19,30 “La pizza Cilentana incontra il vino”, un vero e proprio salotto culinario in cui si presenteranno possibili varianti della pizza cilentana e possibili abbinamenti con vini cilentani.
“Siamo molto contenti di prendere parte a questo evento -ha commentato il delegato FISAR Salerno Alberto Giannattasio- perchè ci darà la possibilità di diffondere, nello scenario più adatto, una corretta cultura del bere e la conoscenza del mondo del vino, ma anche di approfondire tematiche che stanno a cuore ai viticoltori. Questo sarà soltanto il primo evento a cui prenderà parte la FISAR Salerno, al fine di stare sempre di più al fianco dei produttori e dei consumatori”.
Botteghe & Mestieri è organizzato dalla Camera di Commercio di Salerno, in collaborazione con CASARTIGIANISALERNO, il Comune di Giungano, la FISAR Salerno e l’associazione Cilentum Pizza.