Giu le mani dal Cilento

cilento.it

Turismo, cultura e natura nel Parco del Cilento

Avviato questa mattina il primo cantiere promosso dall’Amministrazione comunale di Sanza, che vedrà impegnati circa sessanta operai in progetti finanziati con la Misura 225 del PSR

Una precisa scelta di campo quella posta in essere dall’Amministrazione comunale guidata dal Sindaco Antonio Peluso. Questa mattina i primi quindici operai assunti dalla cooperativa “Terra Pulita” hanno iniziato i lavori di manutenzione del patrimonio boschivo. Il progetto è inserito nel PSR Campania 2007-2013 Misura 225 azione B, intervento B1 – Mantenimento di Habitat per la conservazione di specie animali e mantenimento delle radure. L’importo totale del progetto per la tipologia B è di € 336.149,44. Il Progetto è stato realizzato dal tecnico progettista il dottore forestale Vito Doddato. L’importo sarà destinato alla manutenzione del patrimonio boscato ed alle radure in esso presenti, oltre alla sistemazione idraulica e forestale dell’intero territorio comunale, sentieri, valloni, piste forestali, aree verdi attrezzate, sentieristica etc. Inoltre alcuni fondi sono stati destinati all’acquisto di un fuoristrada utile per le attività di un’amministrazione che governa oltre 12.000 ettari di territorio. Altri fondi sono stati destinati ad iniziative formative per la promozione di corsi di formazione da tenersi presso il CEA (Centro di Educazione Ambientale). A regime saranno ben quattro le cooperative forestali che saranno impegnate nel progetto. Ognuna di loro darà lavoro a circa 15 operai. Questa mattina ha dato inizio ai lavori la cooperativa Terra Pulita e mercoledi prossimo inizierà la cooperativa “la Valle del Bussento. A seguire inizieranno le altre due cooperative. Uno sforzo enorme quello compiuto dall’amministrazione comunale che attraverso una precisa scelta ha deciso di investire in occupazione, visto il grave periodo di crisi e recessione, piuttosto che in opere pubbliche, nonostante la destinazione delle risorse regionali ne consentisse l’utilizzo. Una precisa scelta a favore della comunità che creerà un riverbero occupazionale di oltre sessanta unità con contratti a tempo determinato di circa cinquantuno giornate lavorative. Il Progetto è finanziato per sette annualità. “Parte il primo tassello di un’azione programmata e mirata a creare opportunità di lavoro per i nostri concittadini – ha affermato il sindaco Antonio Peluso – la gestione e la manutenzione del territorio, per la prima volta nella storia locale, producono occasione di lavoro per tante famiglie bisognose” ha concluso il Sindaco. Dello stesso avviso anche l’assessore all’agricoltura del Comune Toni Lettieri: “riteniamo che questa sia la migliore prova di come un’amministrazione locale, in virtù di un federalismo preannunciato ed in via di attuazione, gestisca le risorse economiche a sua disposizione e le destini ai settori ed alle necessità vere di una popolazione” ha dichiarato Lettieri.