Giu le mani dal Cilento

cilento.it

Turismo, cultura e natura nel Parco del Cilento

Salerno: Meeting mondiale su Energia e ICT

Il Presidente della Provincia di Salerno On. Edmondo Cirielli apre le porte del Palazzo della Provincia di Salerno a giovani ricercatori, studenti, professionisti e alle aziende salernitane che avranno l’opportunità di ascoltare in una sola mattinata interventi di leader mondiali su uno dei problemi più attuali della nostra società.
Matteo Gaeta – General Manager del Polo di Eccellenza sulla Conoscenza dell’Università di Salerno – e Vincenzo Loia – Chair dell’Italian IEEE (Institute of Electrical and Electronics Engineers) CIS Italian Chapter – promuovono un meeting sull’uso intelligente dell’Energia presso la Provincia di Salerno – Salone di Rappresentanza – 5 Maggio 2011 – che vedrà intervenire: Piero Bonissone, Fellow dell’IEEE e Chief Scientist presso GE Global Research Computing and Decision Sciences; Carlo Cecati Fellow dell’IEEE e Co-Editor in Chief della prestigiosa rivista IEEE Transaction on Industrial Electronics; Vincenzo Piuri, Fellow dell’IEEE e Director della IEEE Division X; Tomohiro Takagi direttore del Meiji University Soft Computing Institute (Giappone) e noto nel mondo per aver proposto il modello Takagi-Sugeno, uno dei più importanti metodi per lo sviluppo dei “fuzzy system”.

Il prof. Loia introdurrà gli interventi dei quattro brillanti scienziati i quali si incontreranno nella mattinata di giovedì per discutere circa le possibili soluzioni – attualmente in fase di studio – orientate all’impiego di sistemi informativi e di architetture sistemiche mediante l’utilizzo dei nuovi paradigmi dell’intelligenza distribuita e del controllo proattivo al fine di ottenere un uso intelligente dell’Energia.
A seguito del dibattito si terrà una tavola rotonda “Industrial Informatics for Smart Energy”, presieduta dal prof. Matteo Gaeta alla quale parteciperanno il prof. Zollo Presidente della Città della Scienza nonché quattro esponenti di rilevanti aziende europee:
Ing. Alfredo Adamo, CEO OPERA21
Dott. Dario Avallone, Director of the R&D Department, ENGINEERING INGEGNERIA INFORMATICA
Ing. Antonio Stefano Donnarumma, President ACEA DISTRIBUZIONE
Ing. Mariano Maraniello, Head of Local government Centre South FASTWEB S.p.A.
Il tema, di rilevanza mondiale, influisce direttamente sul buon funzionamento del Sistema Paese strettamente legato alla funzionalità delle reti energetiche che, da oltre un decennio, ha subito importanti trasformazioni, indotte dai processi di liberalizzazione e globalizzazione dei mercati, che hanno modificato significativamente il ruolo dei gestori, con importanti ripercussioni sia a livello economico che sociale. Il fenomeno che ha maggiormente inciso sulla struttura dei sistemi è il passaggio da una gestione verticalmente integrata (quasi sempre a forte partecipazione statale) ad una gestione liberalizzata, con le diverse componenti delle infrastrutture (livello fisico, livello di gestione, livello dei servizi) affidate a società tra loro indipendenti, con lo scopo di favorire la concorrenza e aumentare la qualità dei servizi.
Lo scenario delle reti energetiche, inoltre, già di per sé complesso, è reso ulteriormente critico dalle attuali spinte verso lo sviluppo di sistemi per la Generazione Distribuita (GD) e della Micro Generazione (MG), visti come strumento per aumentare la sicurezza dell’approvvigionamento energetico. Tuttavia, la diffusione di questi nuovi paradigmi comporta una diversa modalità di utilizzo delle reti, progettate e gestite per un utilizzo di natura prevalentemente passiva. Un incremento significativo della penetrazione di GD e di MG comporterebbe l’esigenza di una radicale evoluzione delle reti di distribuzione, basata sull’individuazione di logiche di controllo efficienti e di nuovi sistemi di comunicazione, di modifiche ai sistemi di protezione e alle modalità operative e progettuali delle reti operate dalle imprese di distribuzione.
Per fronteggiare le nuove problematiche indotte dall’avvento di politiche e tecnologie avanzate, occorre essere pronti a ripensare, anche in modo radicale, gli strumenti tecnologici e le stesse modalità operative, per rendere le reti energetiche affidabili e sicure: da un lato, per aumentare l’affidabilità e ridurne la vulnerabilità, dall’altro per garantirne un governo “a prova d’errore”.
In questo contesto la grande maggioranza delle aziende assegna alla ricerca nell’innovazione un ruolo strategico nell’attuare il processo di ristrutturazione funzionale, aumentare la focalizzazione sul core business, massimizzare l’efficienza e migliorare la customer satisfaction.
La definizione e realizzazione di soluzioni “smart network”, rese possibili dalle maggiori capacità di raccogliere ed elaborare informazioni capillari provenienti dalle reti tecnologiche, unite alle nuove possibilità di agire da remoto sugli elementi della rete, permettono alle utility di assumere un nuovo assetto caratterizzato da una maggiore efficienza operativa e una maggiore qualità del servizio erogato.

Programma International Workshop CIEI