Giu le mani dal Cilento

cilento.it

Turismo, cultura e natura nel Parco del Cilento

Si insedia l’Unione dei Comuni Valle dell’Alento

Si è insediata l’Unione dei Comuni “Valle dell’Alento”. Nella sala comunale in piazza Sant’Antonio a Omignano Scalo sono stati compiuti gli adempimenti formali per dare vita a quella che dagli stessi sindaci coinvolti è stata definita “…una svolta storica per il Cilento”. Il presidente, per il primo anno visto che tutti avranno pari dignità e ricopriranno a turno la carica, è il primo cittadino di Omignano Emanuele Giancarlo Malatesta. “Ci metteremo subito a lavoro – ha affermato Malatesta – per gestire insieme la raccolta e il conferimento dei rifiuti solidi urbani, il trasporto scolastico, la vigilanza urbana e quella ambientale, la lotta al randagismo e un occhio di riguardo sarà riservato alla programmazione intercomunale in campo urbanistico. Lo scopo con il quale siamo nati è quello di una gestione duratura dell’esistente, ma con l’occhio rivolto al futuro e soprattutto a un ente che non limiti l’autonomia dei singoli paesi ma che rafforzi la coesione tra territori omogenei che fino a oggi forse hanno lavorato poco insieme”. All’Unione, la cui giunta sarà composta dai primi cittadini dei paesi aderenti, prendono parte oltre il Comune di Omignano, Castelnuovo Cilento con Eros Lamaida, Gioi con Andrea Salati, Moio della Civitella con Antonio Gnarra, Orria con Mario Maio, Perito con Edmondo Lava, Salento con Angelo De Marco, Sessa Cilento con Aldo Niglio e Stella Cilento Antonio Radano. La vicepresidenza dell’Ente è stata destinata al sindaco di Sessa Cilento Aldo Niglio, mentre presidente del consiglio è stato eletto il consigliere comunale di Stella Cilento Giusepe Bianco che ha posto l’accento su come “…l’Unione è un passo importante per le nostre comunità perché grazie alla condivisione dei servizi essenziali i cittadini interessati possono avere migliori opportunità di vivibilità quotidiana, ma con una tassazione meno esosa rispetto a quella che fino a oggi i singoli comuni hanno dovuto imporre per rientrare nelle spese sostenute”.