Giu le mani dal Cilento

cilento.it

Turismo, cultura e natura nel Parco del Cilento

Presentato il volume “Salerno Internazionale”: un bilancio delle attività svolte da Intertrade negli ultimi 5 anni

Intertrade, Azienda Speciale per le attività internazionali della CCIAA Salerno, presenta il Volume “Salerno Internazionale”, iniziativa editoriale realizzata quale supplemento della Rivista mensile “Globus” – La tua impresa nel mondo”. Rappresenta un compendio delle attività svolte dal settembre 2005 a tutt’oggi: periodo che ha visto una crescita sensibile delle imprese provinciali orientate ai mercati esteri, che da 1.143 posizioni nel 2005 sono passate ad oltre 1.638 (il 22% del trend regionale).
Dall’indagine congiunturale – III trimestre 2010 – condotta dal Centro Studi Unioncamere, nell’ambito delle attività dell’Osservatorio Economico provinciale promosso dall’Ente camerale, emerge che il dato export dell’economia provinciale è positivo (+0,4%).
Il primato delle esportazioni spetta, anche per il 2010, ai prodotti alimentari e delle bevande, che hanno visto però diminuire le loro esportazioni del 28,5% per un totale di circa e 1.000 mln, – 4%. Ottimo il risultato fatto registrare dalle esportazioni dei mezzi di trasporto (e 382 mln, con un aumento del 445%) e degli articoli in gomma, materie plastiche ed altri prodotti della lavorazione di minerali non metalliferi (e 209 mln con un incremento annuale del 18%).
Gli altri prodotti che hanno quote significative in termini di export (superiori a e 10 mln) sono i prodotti della siderurgia (23 mln), i prodotti delle industrie lattiero casearie, strumenti ottici e attrezzature fotografiche, altri prodotti alimentari, mobili, prodotti chimici, fili e cavi isolati, calzature, pasta da carta e cartone, navi e imbarcazioni, saponi e detergenti, cuoio, prodotti della pesca e piastrelle in ceramica per pavimenti e rivestimenti.
Sul piano delle importazioni è stato registrato un incremento dell’8% rispetto al 2009, per un totale di e 1,551 mln. I prodotti che concorrono maggiormente a determinare il volume di import sono i metalli e i prodotti in metallo (e 543 mln, con un incremento di oltre il 17%), i prodotti chimici e le fibre sintetiche (e 252 mln, con un incremento del 19%), i prodotti alimentari e le bevande (e 183 mln, in calo di circa il 20%). In aumento anche l’importazione di prodotti dell’agricoltura e della pesca con oltre e 122 mln (+4% rispetto al 2009).
Sul piano delle esportazioni, i primi 10 mercati di sbocco dei prodotti e servizi della provincia di Salerno sono Regno Unito (367 mln, con un incremento del 28% rispetto al 2009 e del 48% rispetto al 2005), Germania (317 mln), Francia (203 mln), Belgio (138 mln), Spagna (120 mln), Paesi Bassi (109 mln), Stati Uniti (67 mln), Grecia (64 mln), Portogallo (57 mln), Svizzera (46 mln).
Tra i paesi emergenti si conferma il buon trend per le esportazioni verso la riva sud del Mediterraneo (Libia in primis, Tunisia pur leggermente in calo, ed Algeria che insieme totalizzano oltre e 83 mln).
Sul piano delle importazioni i primi 10 mercati di approvvigionamento delle imprese provinciali sono i seguenti: Germania (243 mln, con un incremento del 37% rispetto al 2009), Cina (232 mln), Francia (106 mln), Spagna (79 mln), Turchia (74 mln), Stati Uniti (69 mln), Paesi Bassi (61 mln), Mozambico (52 mln), Israele (43 mln), Regno Unito (41 mln).
La Cina perde, nel corso del 2010, il primato tra i mercati di approvvigionamento in favore dell’ottima performance della Germania.
Anche per il 2011 Intertrade propone un Programma di attività in linea con i 5 filoni caratterizzanti il proprio profilo:

• Enterprise Europe Network: Informazione economica sui mercati esteri, nonché monitoraggio delle risorse finanziarie UE per le imprese;

• impreSAcard: Assistenza tecnica per presidiare l’estero con precauzioni legali e procedurali;

• Globus: Comunicazione alle imprese sulle opportunità di affari e di investimento, attraverso il continuo approfondimento e aggiornamento dei seguenti strumenti editoriali: “Globus”, “Facebook”, “Newsmercati”, “Skype”, “infoflash by sms”;

• Extender: Formazione e aggiornamento nonché supporto all’accesso alle gare d’appalto internazionali;

• Promoexport: Interventi promozionali: fiere, missioni, incontri b2b.

I partner istituzionali, con i quali è prevista una intensa collaborazione, sono la Provincia di Salerno, la Regione Campania, Unioncamere Italiana, il Gruppo delle Aziende Speciali Camerali per l’internazionalizzazione, l’ICE, le CCIE, la Simest e la Sace.
Notevole sarà anche il ruolo delle Associazioni degli imprenditori, dei lavoratori e dei consumatori. In questo ambito si colloca l’”Accordo Quadro Stakeholders per le Attività Internazionali”, che, implementato nel corso del 2010, ha registrato l’adesione di 11 Organismi associativi con i quali si è proceduto alla redazione di singoli accordi.
Sul piano geo-economico le aree che saranno particolarmente presidiate saranno l’Europa, il Mediterraneo, l’area Nafta, l’Asia e il Mercosur, attraverso la realizzazione di azioni progettuali (es. Progetto Opening 2 Foreign Market, Edilmed, Med in Med 2, Qu.I.T., A.R.E.Ch.I.), che coinvolgeranno i settori trainanti dell’economia provinciale.

Scarica tutte le slide