Giu le mani dal Cilento

cilento.it

Turismo, cultura e natura nel Parco del Cilento

Agropoli, assemblea consulta per il commercio

Si terrà il 3 febbraio 2011 presso l’Aula consiliare del Comune di Agropoli, alle ore 15 in prima convocazione e alle 15.30 in seconda, l’assemblea della “Consulta per il commercio, il turismo e l’artigianato” per l’elezione del presidente, del vicepresidente e del consiglio direttivo.
Prenderanno parte all’assemblea tutti gli operatori economici, i rappresentanti per il commercio in sede fissa, i rappresentanti dei pubblici esercizi, i rappresentanti delle attività ricettive alberghiere ed extralberghiere, il rappresentante degli artigiani, il rappresentante per il commercio su area pubblica, i rappresentanti designati dalle associazioni dei consumatori maggiormente rappresentative a livello locale, il rappresentante designato dalle organizzazioni sindacali dei lavoratori, maggiormente rappresentative a livello Locale, il rappresentante del commercio per ogni quartiere, designato dal rispettivo comitato di quartiere, i rappresentanti delle associazioni di categoria maggiormente rappresentative a livello istituzionale, il rappresentante dei mercati rionali presenti sul territorio, il rappresentante del mercato settimanale, nonchè il rappresentante del Consiglio Comunale dell’opposizione.
A convocare l’assemblea è stato il responsabile dello Sportello Impresa, l’avv. Tommaso Battaglini.
La “Consulta comunale per il commercio, per l’artigianato e per il turismo” è stata istituita dal Consiglio comunale su proposta del sindaco di Agropoli Franco Alfieri e dell’assessore allo sviluppo Eugenio Benevento.
«La consulta – ribadisce il sindaco Franco Alfieri – è uno strumento fondamentale per un reale e concreto confronto tra l’amministrazione comunale e il tessuto commerciale, artigianale e turistico della città. L’obiettivo è attivare sinergie con gli operatori per individuare strategie di sviluppo economico».
«La finalità della consulta – spiega l’assessore Eugenio Benevento – quale organismo di partecipazione, è quello di collaborare con l’amministrazione comunale con funzioni propositive, consultive e di studio nella elaborazione di politiche di programmazione e di sviluppo delle attività economiche».