Giu le mani dal Cilento

cilento.it

Turismo, cultura e natura nel Parco del Cilento

Inizio intervento di messa in sicurezza del costone roccioso sulla provinciale tra i Comuni di Sacco e Roscigno

Giovedì 18 novembre inizieranno i lavori di messa in sicurezza del costone roccioso franato la notte del 3 novembre sulla strada provinciale 342, tra i Comuni di Sacco e Roscigno, nel tratto vicino al Ponte Sammaro.
I lavori sono già stati affidati ad una ditta specializzata dall’ufficio del Genio Civile di Salerno. L’intervento, che prevede inizialmente la bonifica del tratto con l’intervento di rocciatori, dovrebbe consentire l’apertura al traffico della strada in tempi brevi.
Le difficoltà per la popolazione sono enormi. Infatti, dal giorno della chiusura della strada i 12 bambini di Sacco non possono frequentare la sezione di scuola dell’infanzia con sede a Roscigno e di fatto sono interrotti i collegamenti verso il vicino ospedale di Roccadaspide con enorme disagio per la popolazione composta prevalentemente da anziani.
Per questo come amministrazione abbiamo sollecitato tutti gli enti preposti ad una soluzione rapida del problema. Nel frattempo abbiamo cercato di attivare soluzioni alternative per alleviare lo stato di difficoltà.
Superata la fase dell’emergenza proporremo agli amministratori degli enti interessati, comuni limitrofi e CC. MM. Calore ed Alburni, la progettazione nell’ambito dei fondi europei (P.S.R.) di una viabilità rurale, in grado di assicurare collegamenti alternativi tra i comuni dell’area.
Nei prossimi giorni, da parte della provincia, sono previsti anche i lavori di rifacimento del manto stradale, per un importo di circa 30.000 euro, sulla S.P. 11 del Corticato interessata da un avvallamento nella zona San Marco di Teggiano, dovuto ad un dissesto idrogeologico del vallone che costeggia il pendio del monte Motola. Per un intervento di risanamento dell’intero fenomeno franoso chiederemo un incontro all’assessore all’ambiente della Regione Campania Giovanni Romano. L’arteria del Corticato, antica via di comunicazione tra il Cilento e il Vallo di Diano, è un punto nevralgico e strategico per la viabilità del nostro territorio, perciò gli enti competenti devono compiere ogni sforzo possibile ed assicurare tutte le risorse necessarie per interventi utili alla manutenzionzione ed all’ammodernamento del percorso stradale.