Giu le mani dal Cilento

cilento.it

Turismo, cultura e natura nel Parco del Cilento

Castellabate ricorda monsignor Farina con un bassorilievo a 20 anni dalla morte

È stato parroco di Santa Maria Assunta a Castellabate per 48 anni, appassionato studioso e poeta, a lui si deve anche il restauro della Basilica pontificia e di tante opere oggi esposte nel Museo di arte sacra da lui ideato. A 20 anni dalla morte, il Comune di Castellabate ha ricordato il compianto monsignor Alfonso Maria Farina con una cerimonia pubblica.
Sabato 16 ottobre sul sagrato della basilica pontificia è stato scoperto un bassorilievo artistico in bronzo che riproduce le fattezze di monsignor Farina e reca scolpiti i versi di una sua poesia. La cerimonia è stata presieduta dal sindaco Costabile Maurano. A seguire la celebrazione della santa messa ad opera del parroco don Giuseppe D’Angelo. La giornata si è chiusa con il concerto della banda Santa Cecilia di Castellabate nella basilica pontificia, con brani realizzati dallo stesso mons. Farina e musica del maestro Alfonso Lo Schiavo.
Il bassorilievo in bronzo è stato realizzato dalla Fonderia Arena, le cui opere sono collocate in numerose piazze e chiese d’Italia, fanno parte di importanti collezioni e vengono battute in prestigiose aste internazionali.
«L’azione di monsignor Alfonso Maria Farina rappresenta una pietra miliare della storia recente di Castellabate – afferma il sindaco Costabile Maurano – Pastore di anime e maestro di vita, ma anche appassionato studioso nonché cultore di arte e musica, nei 48 anni in cui ha guidato con amorevole cura la Parrocchia Santa Maria Assunta di Castellabate dal 5 luglio 1942 fino al 17 ottobre 1990, ha contribuito fattivamente alla crescita umana, spirituale, culturale e sociale della nostra comunità. A 20 anni dalla morte era, dunque, un atto dovuto da parte del Comune ricordarne la vita e le opere con un programma di iniziative realizzato in collaborazione con la parrocchia Santa Maria Assunta. Il bassorilievo che lo raffigura, in particolare, vuole porne la figura a stimolo e ad esempio per le generazioni presenti e future».
Lo stesso Museo d’arte sacra di Castellabate è nato per volontà di monsignor Alfonso Maria Farina, che si proponeva l’obiettivo di far conoscere e far amare la storia, la cultura e la fede di questa terra. Lui stesso raccolse, custodì e fece restaurare tante opere oggi esposte nel Museo, che vanta tra l’altro tele, statue, arredi, paramenti sacri e argenti dal XVI al XX secolo.