Giu le mani dal Cilento

cilento.it

Turismo, cultura e natura nel Parco del Cilento

Castellabate, i vigili urbani insegneranno agli studenti la Costituzioni e le leggi

Sinergia per il progetto “cittadini del futuro” tra l’autonomia 147 e il Comune.
Conoscere la Costituzione e i suoi principi, per sviluppare una corretta coscienza civile e diventare i cittadini di domani consapevoli dei propri diritti e doveri, ma anche rispettosi dell’ambiente. È l’obiettivo del progetto “Cittadini del futuro” che è stato varato dall’istituto comprensivo San Marco – Castellabate autonomia 147 in sinergia con il Comune di Castellabate.
Un apposito protocollo d’intesa, a firma della dirigente scolastica Rosa Rombone e del sindaco Costabile Maurano, sancisce l’avvio di questa collaborazione. L’iniziativa rientra nelle previsioni dell’avviso pubblico emesso dal Ministero dell’istruzione e dal Fondo sociale europeo per la presentazione di progetti sulla legalità.
«Siamo stati lieti di aderire a questa iniziativa proposta dall’istituto comprensivo autonomia 147 – spiega il sindaco Costabile Maurano – Il Comune di Castellabate, infatti, è da sempre impegnato a promuovere la partecipazione dei cittadini alla vita civile, alla difesa dell’ambiente e alla definizione della qualità della vita, favorendo una migliore organizzazione sociale e una modifica dei comportamenti scorretti. In questa direzione riteniamo prioritario incentivare le esperienze associative tra gli studenti e una loro diretta partecipazione alla difesa dell’ambiente, favorendo anche il superamento di ogni forma di disagio giovanile e di discriminazione. Proteggere le specie umani e vegetali, tutelare i beni culturali e garantire in ogni situazione la dignità della persona sono le vie maestre per trasmettere ai nostri ragazzi una coscienza sensibile ai problemi dell’ambiente e a un equilibrato rapporto tra uomo e natura».
Il progetto, che vedrà nella veste di esperti formatori un magistrato, i vigili urbani di Castellabate e le guide del Parco nazionale del Cilento e Vallo di Diano, punta infatti a formare i futuri cittadini dell’Europa in campo ecologico, sociale e civile. Si parte con la conoscenza degli elementi fondamentali della struttura statale, con lo studio della Costituzione e delle norme sui diritti e sui doveri, per poi realizzare esperienze di crescita condivisa e approfondire la conoscenza del proprio contesto territoriale.