Giu le mani dal Cilento

cilento.it

Turismo, cultura e natura nel Parco del Cilento

Oltre seimila persone al funerale di Angelo Vassallo

Con la richiesta alle istituzioni e alla politica di un impegno per Pollica da parte del vice sindaco Stefano Pisani si è concluso il funerale di Angelo Vassallo, sindaco del Comune di Cilento, assassinato in un agguato.
Un lungo applauso e il suono di alcune sirene di barche aveva accolto la bara del sindaco di Angelo Vassallo all’uscita dalla chiesa dell’Annunziata diretta al palco costruito a ridosso del porto di Acciaroli.
Avversata dalla pioggia e da un forte vento, la cerimonia funebre ha visto la partecipazione di oltre seimila persone e la presenza di numerosi leader politici: il ministro Stefania Prestigiacomo, il segretario del Pd, Pier Luigi Bersani, il leader dell’Udc Pierferdinando Casini, il governatore della Puglia Nichi Vendola, il governatore della Campania Stefano caldoro e l’ex governatore Antonio Bassolino, ed ancora al sottosegretario dell’Interno Alfredo Mantovano, il segretario dei radicali Mario Staderini e la deputata Rita Bernardini, il procuratore di Vallo della Lucania, Alfredo Greco.
“Chi ha ucciso ha atteggiamenti più simili alle bestie che agli uomini”, ha detto il vescovo di Vallo della Lucania, monsignor Giuseppe Rocco Favale, augurandosi che “gli assassini non siano mescolati tra noi o che siano sulle loro poltrone a guardare in televisione questa grande manifestazione di affetto per Angelo”.
Fra le centinaia di gonfaloni giunti da ogni parte d’Italia spiccano le moltissime bandiere gialle di Legambiente. La corona funebre inviata dal presidente della Repubblica, Giorgio Napolitano è collocata, insieme al gonfalone del Comune, accanto al feretro, presidiato da carabinieri e da un’agente di polizia municipale, tutti in alta uniforme.
Dopo il commosso ricordo del vicesindaco, il vescovo Favale ha lasciato il palco mentre un gruppo di giovani ha suonato delle conchiglie, simbolo del mare, accompagnando i cori di uscita dalla funzione funebre. Il feretro deposto dal palco è stato portato via a spalla fendendo la folla che gremiva il piazzale del porto.