Giu le mani dal Cilento

cilento.it

Turismo, cultura e natura nel Parco del Cilento

Omicidio Vassallo, le associazioni turistiche: in Cilento non c’è posto per la camorra

Le Associazioni turistiche del Cilento e Vallo di Diano aderenti a Cilentoturismo.it hanno rilasciato la seguente dichiarazione:

“Angelo Vassallo era uno di noi. Era un uomo del Cilento, che si batteva per mantenere il nostro territorio libero da infiltrazioni camorristiche o mafiose, e da quella nube di omertà e di silenzi complici che invece caratterizza molte zone del sud (ma anche del nord) Italia.
Ci auguriamo che la Magistratura faccia presto luce su questo delitto che, qualunque sia la sua matrice, non può e non deve intaccare l’autentica indole del Cilento, da sempre libero da episodi, o peggio, da un humus consolidato di illegalità.
Proprio per questo, al di là del sacrosanto diritto/dovere di informare, ci hanno infastidito i silenzi di molti rappresentanti dei media, che non hanno posto l’accento sulla “diversità positiva” del Cilento e dell’intera Provincia di Salerno, che da sempre si discosta da quel clichè consolidato che vuole la Campania succube della camorra e della delinquenza organizzata.
Secondo noi, al diritto/dovere di cronaca deve sempre accompagnarsi una attenta analisi del contesto territoriale nel quale avvengono determinati episodi, per evitare che il pubblico percepisca segnali contradditori e non sempre fedeli alla realtà.
Se verrà accerta la matrice camorristica dell’omicidio di Angelo Vassallo, intensificheremo gli sforzi per arginare ogni tentativo di infiltrazione camorristica nel nostro territorio, consapevoli che la delinquenza organizzata non troverà in Cilento le condizioni per attecchire.”