Giu le mani dal Cilento

cilento.it

Turismo, cultura e natura nel Parco del Cilento

Domani 22 luglio Eugenio Bennato al Paestum Festival

Dopo il grande successo del Gala di Danza di ieri sera, straordinario e raffinato spettacolo che ha unito sullo stesso magico palcoscenico le star dell’arte coreutica Eleonora Abbagnato (in scena nel ruolo della dolce e passionaria Vivette de L’Arlesienne), Alessandro Macario, Anbeta Toromani e Dominic Walsh insieme con il Corpo di Ballo del Teatro di San Carlo di Napoli, la poesia delle note è pronta a chiudere la tranche di luglio della tredicesima edizione del Paestum Festival sezione “classic”. La kermesse all’ombra dei Templi diretta da Mario Crasto De Stefano accoglierà domani sera, giovedì 22 luglio (ore 21.30) Eugenio Bennato protagonista, insieme con l’Orchestra Popolare del Sud, del concerto “Briganti Emigranti”.
IL CONCERTO Presentato in anteprima nazionale al Festival dei Due Mondi di Spoleto il 29 giugno scorso, il live si avvale della presenza di 22 elementi dell’Orchestra Popolare del Sud diretti dal Maestro Erasmo Petringa. In scaletta villanelle 500esche, brani strumentali legati alla tradizione curativa della taranta, composizioni di anonimi dal ‘400 al ‘600, di Carlo D’Angiò e dello stesso Bennato dai tempi di Brigante se more alle più recenti Taranta Power, Che il Mediterraneo sia…, Grande Sud, alle ultime ballate dedicate ai due personaggi storici dell’epopea del brigantaggio: Ninco Nanco e Michelina De Cesare (La ballata di Michela). Preziosissima la presenza dell’orchestra che a volte appare sullo sfondo come un tableau vivent musicale, a volte irrompe in primo piano, esprimendo con le voci e con gli sguardi l’esistenza di una terra di sogni ambiziosi. Briganti Emigranti (produzione Cctm- Circuito Campano Teatro e Musica Srl), è un progetto di Nunzio Areni in collaborazione con Just in Time srl – Mauro Diazzi, per la direzione artistica di Eugenio Bennato; scene e regia di Bruno Colella, direttore tecnico Lucio Mazzoli.
EUGENIO BENNATO Ricercatore di musica antica, compositore e musicista, Bennato ritorna a comporre musica ispirato alla storia leggenda dei Briganti meridionali, identificando la loro epopea con quella della musica popolare dei sud del mondo, come il canto di terre di sogni ambiziosi e di alberi dalle profonde radici. “Il percorso musicale che mi ha portato alla scoperta delle forme popolari delle regioni del sud e, che in seguito, si è allargato alle forme di tutto il bacino mediterraneo – spiega Bennato – e, in definitiva di tutti i sud del mondo, è partito da Napoli, la città dei cinque Conservatori, Roberto De Simone, Edoardo De Filippo, Roberto Murolo, Edoardo Caliendo, maestri d’arte e di vita per il tempo che li ho frequentati. Ed il percorso che ho seguito contiene già naturalmente tutte le immagini di questa orchestra nuova e antica: ecco la genesi di Briganti Emigranti. Questo spettacolo con l’Orchestra Popolare del Sud nasce da uno specchio e una sintesi di questo intreccio di strade e suoni che si dividono, sdoppiano, rincontrano e costituisce l’ordito sonoro delle storie che vado raccontando con la voce e la chitarra”.
L’ORCHESTRA Nell’Orchestra Popolare del Sud confluiscono ben dieci gruppi di musica popolare per rappresentare al meglio i colori e ritmi della nobile Campania felix. Il concerto vive delle melodie tradizionali e dei ritmi del sud, che sottolineano un grande senso contemporaneo di una musica che, lontana da circuiti commerciali, si sta imponendo ad un pubblico sempre più vasto. Suonano e cantano dal vivo: Gianni Giordano tammorra, putipu’ e voce; Giacomo D’Angio voce e ciaramella; Peppe Rotolo voce; Ivan Virgulto voce e chitarra battente; Luca Natale mandola; Anna Rosa Vanore voce; Annalisa Messina voce; Fiorella Federici voce; Daniela Bonvento viola e lira calabrese; Chiara Capria violino; Lorena Rulli violino e viola; Minni Diodati voce; Giovanni Perilli ciaramella; Erasmo Petringa violoncello; Ezio Lambiase chitarre; Stefano Simonetta basso; Valter Vivarelli percussioni; Mohammed Ezzaime Al Alou voce; Sonia Totaro voce e ballo; Esha Tizafi voce.
INFO UTILI Il costo del biglietto per il concerto di Bennato è di 10 euro;. I biglietti sono disponibili presso il Botteghino dell’Arena dell’Area Archeologica (orari di apertura 18-22) e presso le rivendite del circuito go2. Gli spettacoli avranno inizio alle 21.30.
Per informazioni: Fondazione Paestum Festival, segreteria organizzativa 081 5787949 – 320 3354908 – 0828 722374 – 0828 725649 www.paestumfestival.net; paestumfestival@libero.it.