Giu le mani dal Cilento

cilento.it

Turismo, cultura e natura nel Parco del Cilento

Premio Nazionale Val Calore

Grande successo di pubblico venerdì scorso al Vinitaly di Verona, per la consegna del primo Premio Nazionale Val Calore all’attore e regista Massimo Venturiello, 53 anni, di origini salernitane, protagonista di numerose serie televisive e fiction di grande successo (dal noto “generale” di Intelligence trasmessa da Canale 5 al “perfido” Cesare Carrano di Distretto di Polizia 6 fino al commissario Angelo Mangano de “Il Capo dei Capi”).
Il premio è stato consegnato dal Presidente della Provincia di Salerno, Edmondo Cirielli. Presenti anche il presidente della Camera di Commercio Augusto Strianese, il presidente della Val Calore, Pasquale Mucciolo, il sindaco di Castel San Lorenzo Michele Lavecchia e l’Assessore provinciale all’Agricoltura Mario Miano.
Il premio è stato istituito dalla Cantina Sociale Val Calore per festeggiare il cinquantenario della nascita della Cantina Sociale, una delle prime del Mezzogiorno d’Italia, ed ancor oggi tra le realtà produttive più rappresentative del sud Italia con produzioni vitivinicole di grande pregio, che possono tra l’altro fregiarsi dei marchi di riconoscimento comunitario (DOC e IGT).
L’attore, nel suo intervento ha rammentato le proprie origini sottolineando che «molti amici e parenti risiedono ancora tra Castel San Lorenzo e Roccadaspide, e con loro mi sento con particolare frequenza. Questo premio mi lusinga perché non rappresenta soltanto un riconoscimento alla mia carriera teatrale e cinematografica, ma è un tributo che viene dal mio paese d’origine: questo è ovviamente motivo di doppia soddisfazione. Sarò tuttavia presto a Castel San Lorenzo, dove peraltro torno con particolare frequenza nelle brevi pause tra una tournee e la successiva, per ringraziare personalmente i miei compaesani».

MASSIMO VENTURIELLO
Attore e regista, è nato a Roccadaspide il 4 agosto 1957.
Al cinema ha recitato in Good morning Babilonia dei fratelli Taviani, in Marrakech di Gabriele Salvatores, in Ravanello Pallido e La terra di Sergio Rubini. Ha inoltre interpretato numerose serie televisive, tra cui la parte del “perfido” Cesare Carrano nella serie Distretto di polizia 6 e il ruolo del commissario Angelo Mangano nella fiction Il capo dei capi.
Nel 2007 è nel cast del film Rai Gli ultimi giorni di Pompei.
Su Canale 5 è stato il generale dei servizi segreti nella serie “Intelligence – Servizi & Segreti” interpretata, nel ruolo di protagonista, da Raul Bova.
È anche un noto ed apprezzato doppiatore: sua la voce di Kitt nei telefilm Supercar della 2^, 3^ e 4^ edizione, come pure quella di Ade, il cattivo di Hercules.
In questi giorni Venturiello è impegnato a teatro, come attore e regista, per la trasposizione del capolavoro cinematografico di Federico Fellini “La Strada”, in cui recita con la sua compagna di vita Tosca, la nota cantante per la quale Venturiello ha scritto il brano Il terzo fuochista, presentato al Festival di Sanremo nel 2007 ed eseguito in duetto nella serata degli ospiti.

LA CANTINA SOCIALE VAL CALORE
La Cantina Sociale Val Calore conta oltre 900 soci ed è una delle aziende vitivinicole più importanti della provincia di Salerno e resta, nonostante le numerose vicissitudini a cui ha dovuto far fronte negli anni scorsi, un chiaro esempio di operosità, oltre che motivo vanto per il territorio.
Costituita nel 1960 da valorosi viticoltori, la Cantina Sociale Val Calore è in attività per la produzione vinicola dal 1968. Oggi è una realtà all’avanguardia per l’indiscussa qualità dei suoi prodotti, fra i quali spiccano i sette rinomati vini “Castel San Lorenzo” D.O.C., i sette vini “Paestum” a Indicazione Geografica Tipica ma anche per la produzione dell’olio extravergine di oliva, avviata nel 1983.