Giu le mani dal Cilento

cilento.it

Turismo, cultura e natura nel Parco del Cilento

Formazione: via libera dalla Regione Campania alla delega alla Provincia

Con delibera n° 426 dello scorso 25 marzo, la Regione Campania ha finalmente approvato lo schema di accordo per la designazione delle Province quali organismi intermedi per l’attuazione di importanti interventi, previsti nei primi quattro Assi del Fondo Sociale Europeo concernenti Formazione iniziale, Apprendistato e Servizi per l’impiego. Un provvedimento a lungo atteso dall’Amministrazione del Presidente Edmondo Cirielli, che fin dall’insediamento ha dedicato particolare attenzione alle tematiche della formazione, attuando lo scorso settembre una revisione del Piano di Programmazione Pluriennale per la Formazione ed il Lavoro – che prevede fino al 2013 un finanziamento di 50milioni di euro per l’Ente provinciale – e presentando poi alla Regione Campania la versione definitiva dello stesso nel novembre 2009.
Un nuovo frutto della linea di concreta collaborazione istituzionale tra Regione Campania e Provincia di Salerno che, già perseguita con l’Amministrazione regionale uscente, troverà ora un ben più sollecito e fattivo interlocutore nella nuova Amministrazione del Presidente Stefano Caldoro: “E’ la prima volta che la Provincia di Salerno riceve la delega dalla Regione Campania per la formazione professionale – commenta l’Assessore provinciale al ramo Antonio Iannone – Si tratta di un impegno prioritario dell’Amministrazione Cirielli che fin da subito si è dedicata alla rivisitazione del Piano pluriennale di settore”. In pieno raccordo con l’Assessorato al Lavoro, il fine dell’azione sarà di realizzare una visione politica in cui il raccordo tra formazione professionale ed occupazione sia organico: “Per troppi anni si è proceduto ad interventi episodici, non strutturali ed intesi come ammortizzatori sociali – prosegue – Invece il nostro concetto di formazione, che terrà in forte considerazione le indicazioni che verranno da associazioni di categoria, ordini professionali ed enti dotati di autonomia funzionale, sarà pensato per i formandi e non per i formatori e terrà sempre presenti lo sbocco occupazionale e le vocazioni di sviluppo del territorio”.
“Siamo pronti a sottoscrivere l’apposita convenzione, che ora ci consentirà di operare nelle direzioni già individuate dalla nostra Amministrazione, grazie alla piena sinergia con l’Assessore Iannone e con il contributo del Presidente del Comitato Scientifico, prof. Saverio Salerno – gli fa eco Anna Ferrazzano, Assessore alle Politiche del Lavoro – Punteremo su una strutturazione complessiva degli interventi, per evitare sprechi e dispersioni, nonché sulla qualità e innovatività degli stessi, ma anche su un coordinamento efficace con le altre misure FSE, dal momento che non vogliamo realizzare mere forme di ammortizzazione sociale bensì concreti strumenti per rilanciare l’occupazione nel nostro territorio”.