Giu le mani dal Cilento

cilento.it

Turismo, cultura e natura nel Parco del Cilento

Progetto LEADER Vallo di Diano: la città del IV paesaggio. L’Assessore Gianfranco Nappi a Padula per la presentazione del Progetto di Sviluppo Locale

Padula – si terrà giovedì 18 febbraio alle ore 10,00 presso la sala consiliare del complesso certosino di San Lorenzo, la presentazione ufficiale del Piano di Sviluppo Locale (PSL) elaborato dal gruppo tecnico a supporto della Comunità Montana Vallo di Diano relativo al Progetto LEADER. Il piano elaborato con il coinvolgimento essenziale del partenariato locale, costituito da ben 199 aderenti, mediante il recepimento di proposte operative ed iniziative progettuali, interesserà una spesa complessiva di ben seimilioni seicentomila euro che svilupperanno un processo di rafforzamento territoriale finalizzato a rendere più competitivo il comprensorio Vallo di Diano in tema di risorse culturali, ambientali, agricole ed artigianali. A testimoniare l’importanza dell’evento la presenza congiunta del Consigliere regionale Donato Pica, dell’Assessore all’Agricoltura della Provincia di Salerno, Mario Miano e dell’Assessore all’Agricoltura della Regione Campania Gianfranco Nappi. L’incontro che sarà presieduto dal Presidente della Comunità Montana Vallo di Diano, Raffaele Accetta, vedrà inoltre la presenza del prof. Giovanni Quaranta ordinario al DITEC dell’Università della Basilicata. “Abbiamo lavorato e stiamo lavorando intensamente per concretizzare questa nuova grande opportunità per il nostro territorio – ha commentato il Presidente Accetta, che ha aggiunto – abbiamo immaginato un Piano di Sviluppo Locale che privilegerà gli interventi dei privati cittadini al fine di attivare un processo di crescita reale; basti pensare che appena il 19% delle risorse saranno destinate ad interventi pubblici, il resto sarà ad appannaggio di iniziative private”.
L’appuntamento di giovedì sarà oltremodo importante per vagliare e discutere nel dettaglio il piano progettuale proposto quindi risulta fondamentale la presenza non solo del partenariato locale ma soprattutto della società civile.