Con Delibera di Giunta Regionale n. 7/2017 è stato approvato il programma delle manifestazioni fieristiche in ambito turistico che per l’anno 2017 prevede, per il primo trimestre, la partecipazione alle fiere: FITUR Madrid (Spagna), Holiday World Praga (Rep. Ceca), ITB Berlino (Germania), MITT Mosca (Russia) e BMT Napoli.

PARTE BEN-ESSERE GIOVANI: “ORGANIZZIAMOCI”, la linea di intervento che mira alla rivitalizzazione del territorio attraverso attività che favoriscono l’aggregazione giovanile, il riuso e/o il recupero funzionale di immobili di proprietà dei Comuni o di altri soggetti pubblici per orientare, accompagnare e consolidare le aspirazioni e le ambizioni dei giovani nel loro passaggio alla vita adulta, rendendo i territori più attrattivi, e in grado di offrire opportunità di integrazione e lavoro per i giovani di età compresa tra i 16 e i 35 anni.

Il Presidente della Regione Vincenzo De Luca ha promulgato, in via definitiva, la legge di revisione dello Statuto regionale. Entrano in vigore le nuove norme in materia di questione di fiducia e procedimento legislativo abbreviato. In Consiglio la proposta di legge è stata approvata a maggioranza assoluta in due distinte deliberazioni, la prima l’8 febbraio, e la seconda i 29 aprile.

È stato pubblicato sul BURC n. 47 del 14 luglio scorso il Bando per la costituzione di una graduatoria finalizzata al finanziamento della progettazione di infrastrutture, in esecuzione della Delibera di Giunta regionale n. 244 del 24/05/2016.

“La Regione Campania intende partecipare attivamente, dall’inizio alla fine, al progetto Crescere in Digitale”. Così l’assessore alle Attività’ produttive, Amedeo Lepore, in occasione della presentazione, alla Camera di Commercio di Napoli, di ‘Crescere in digitale”, il progetto realizzato dal Ministero del Lavoro e delle Politiche Sociali, Google e Unioncamere rivolto ai giovani disoccupati iscritti al programma “Garanzia Giovani”.

La ferrovia Sicignano – Lagonegro sbarca anche in Campania: si sono finalmente aperte, dopo tanto inspiegabile silenzio al cospetto di un’opera tanto nevralgica per lo sviluppo del Vallo di Diano, le porte di Palazzo S. Lucia.