Priorità alle filiere in crisi come quella castanicola e cerealicola, riconoscimento del ruolo strategico della progettazione collettiva e dei cluster, più risorse ai giovani che decidono di intraprendere nel settore agricolo e semplificazione delle procedure di accesso ai finanziamenti.