AL DAGO RED si proietta il film “Ad Memoria per Pasolini” e si dibatte di memoria

Postato da in eventi il 13 dicembre 2016

Un film e il dibattito. Tutto pronto per il secondo appuntamento della rassegna “La stanza di Bandini”, previsto per giovedì 15 dicembre alle 19.30 al Dago Red di San Pietro al Tanagro.
La serata è dedicata alla proiezione del film-documentario “Ad Memoriam per Pasolini” di Michele Schiavino, un film che vede la partecipazione anche di una cittadina di Sant’Arsenio, Iolanda Pica, protagonista di una delle registrazioni rese poi immortali da Pierpaolo Pasolini.
Tema – La facoltà di richiamare alla memoria cose viste o apprese, è il tema della serata che si articolerà a partire dall’introduzione di Arsenio D’amato e dai contributi dei registi Michele Schiavino e Filippo Marmo. Seguirà la proiezione del docu-film “Ad Memoriam per Pasolini”, con la partecipazione dello stesso Schiavino. Le conclusioni e l’apertura della conversazione sono affidate a Filomena Vitale. Si tratta di un incontro interattivo, dove ognuno, se vuole, potrà dire la sua, proporre, domandare, contribuire e dibattere con il regista.
Il film – 30 minuti di immagini ricavate da oltre 20 ore di girato, iniziato nel 2005, e ora montate in modo spiazzante e aperto, come appunti per un film sempre da farsi. Uno “stile” coerente con l’anticonformismo dell’autore, il cineasta salernitano Michele Schiavino, che nel suo lavoro propone una destabilizzante riflessione sul Pasolini meno normalizzato e codificato. Si tratta di un work in progress che prende la forma di un viaggio nello spazio e nel tempo iniziato a Matera nel 2005 e passando per Montemarano, Ravello e Napoli si “conclude” a Casarsa nel Friuli, paese materno di Pasolini, nel 2016. Un viaggio scandito dalle note di Cratere di Paolo Fresu e dalle testimonianze di personaggi-chiave del mondo reale e di finzione pasoliniano: il fotoreporter e attore de Il Vangelo secondo Matteo Domenico Notarangelo, il ricercatore etnografico Luigi d’Agnese, il Masetto del Decameron Vincenzo Amato, Michelina Coscia e Iolanda Pica, contadine degli anni ’50 che folgorarono Pier Paolo con le loro voci, il cantante popolare dell’epoca.
Il luogo – La serata è il secondo appuntamento de LA STANZA DI BANDINI, uno spazio di discussione sui temi che caratterizzano l’attualità. Dibattiti, talk e incontri scandiscono un appuntamento al mese che trasformerà uno spazio “condiviso” dal DAGO RED in una piccola agorà della musica, della cultura, della politica, costruita da poche persone, ma rivolta a chiunque ne voglia fare parte. L’intento è di attivare per ognuno la possibilità di riappropriarsi individualmente del diritto a discutere e di riempire di concretezza il significato di partecipazione.

Comments are closed.